Chi mi ha… Visto?

Un’emozione unica questa intervista sul magazine super patinato “Visto”, per cui ringrazio il giornalista, Carlo Faricciotti per le belle domande e la possibilità che mi ha dato di raccontare il mio primo romanzo. Una menzione speciale anche per il fotografo, il mio piccolo Aldo!

È la forma che ha dato

Una laurea pressoché inutile, quella in Lettere, per il mercato del lavoro. Una laurea che, del resto, non mi ha certo riempito questa scatoletta grigia di tutta la scienza del mondo. È la forma che ha dato, a questa scatoletta, che ancora mi piace. Milano, 11 febbraio 2004.

Le voci dalla radio

Le voci che escono dalle radio ti raccontano un mondo che tu puoi immaginare a modo tuo, come con i libri. Le voci alla radio ti tengono compagnia. E di questo, a volte, ne abbiamo bisogno come di una benedizione. Questa ero, diversi anni fa. Di uguale è rimasta soltanto la voglia di raccontare.

Beautytudine

“Dimagrire, porca miseria!” è il primo comfort book dedicato alla voglia di dimagrire

“Dimagrire, porca miseria!” è un comfort book scritto da Elisa Origi che aiuta il lettore a sorridere e mettersi in discussione su uno degli argomenti più temuti al mondo: il dimagrimento.

Una pubblicazione innovativa, una scelta editoriale precisa firmata Hygeia Press.

Dimagrire leggendo

Da oggi dieta! Chi non ha pronunciato questa frase almeno una volta nella vita?

Non importa se siete uomini, donne, figli, nonni, genitori, ognuno di noi prima o poi si guarderà allo specchio e troverà qualche dettaglio del proprio corpo da migliorare.

Dettagli che aumentano smisuratamente con l’arrivo dell’estate e della tanto attesa prova costume.

Così, tra un’attenta alimentazione e una corsa in palestra arriva un libro che regala ai lettori qualche consiglio e un po’ di autostima.

“Dimagrire, porca miseria!” è un libro particolare, che apre la strada alla medicina narrativa con grande rispetto e un pizzico di ironia

Se pensate di trovarvi di fronte un saggio sociologico o magari un manuale di psicologia vi sbagliate. “Dimagrire, porca miseria!” è un comfort book, cioè un libro in cui ritrovarsi, riconoscersi e magari rifugiarsi per avere qualche consiglio o certezza in più.

La dieta nella vita di tutti i giorni

La volontà di dimagrire e vedersi più belli di fronte allo specchio è un desiderio che accomuna moltissime persone

Giovani che vorrebbero un fisico più tonico, adulti che cercano disperatamente di eliminare l’odiosa pancetta. Insomma, il raggiungimento del peso ideale per il proprio corpo è l’obiettivo che mette tutti d’accordo, senza distinzioni di sesso, età e socialità.

I libri sui metodi più efficaci e folgoranti per perdere peso li avete letti tutti ottenendo scarsi risultati?

“Dimagrire, porca miseria!” arriva in vostro aiuto senza fare promesse ma garantendo qualche consiglio tra amici.

“Dimagrire, porca miseria!” si divide in racconti in cui il cibo è il protagonista principale della vita dei personaggi. Spesso dietro questo tema ne vengono svelati altri molto più introspettivi, come tratti acerbi della propria personalità o tensioni drammatiche.

“Dimagrire, porca miseria!” percorre ogni tappa. Dalla decisione di voler perdere peso all’entusiasmo che ne consegue, fino al calo di motivazione che si nasconde dietro a ogni angolo e, spesso, la decisione conseguente di interrompere il percorso di dimagrimento intrapreso.

Tutto questo non riguarda solo un desiderio fisico. Sentire di volere assottigliare i propri confini si accompagna spesso a un senso di inadeguatezza che parte dalla nostra mente e può essere fonte di piccole o grandi sofferenze. Idiosincrasie, autoironia, lievi isterie.

L’autrice, Elisa Origi, consulente per la comunicazione d’impresa, giornalista e due volte mamma, ce lo spiega molto bene

Chi meglio di lei con “Dimagrire, porca miseria!” poteva raccontarci l’esperienza che accomuna tutti noi, lei compresa, che le diete le ha provate un po’ tutte.

Con piglio e un po’ di sano umorismo, attraverso uno stile narrativo delicato e rispettoso, racconta il desiderio di snellirsi che caratterizza l’essere umano e spesso arriva a ossessionarlo.

“Dimagrire, porca miseria!” descrive una quotidianità scandita dalla dieta. Una somma di riti e buoni propositi che ci portano a vederci migliori, non solo esteticamente.

Ecco che a guidarci sono perciò autostima e disciplina, senso della misura e capacità di ascoltarsi e, prima di tutto, rispettarsi.

Un cammino che bisogna osservare con costanza e cura, per questo motivo la scrittura segue un doppio registro. Si affronta il tema con verve comica ma senza dimenticare le difficoltà che ogni giorno il sovrappeso, anche se lieve, costringe ognuno di noi ad affrontare.

“Dimagrire, porca miseria!” è un libro dedicato a chi sa come fare per perdere peso ma non ha ancora trovato la motivazione giusta per cominciare a farlo. Perché per dimagrire non basta seguire con cura le tabelle dei conteggi calorici, bisogna volersi bene.

La casa editrice

“Dimagrire, porca miseria!” è un libro pubblicato dalla casa editrice Hygeia Press.

Nata nel 2009 come casa editrice specializzata in saggistica medico-scientifica rivolta ai progressi della ricerca, offre molte pubblicazioni orientate al mondo universitario e professionale.

Sempre di più è nata la necessità di creare un link informativo tra l’ambito della ricerca e la vita quotidiana. Da qui Hygeia Press si è aperta a nuove proposte editoriali rivolte a tutte le persone che vogliono diventare protagonisti delle scelte riguardanti salute e benessere personale.

Hygeia Press, infatti, sta sviluppando manuali di self help e di medicina narrativa, come “Dimagrire, porca miseria!”, che aiutano i lettori a curare se stessi attraverso la consapevolezza, la motivazione personale e la capacità di comunicare con gli esperti e con altri stakeholder.

Alessandra Borgonovo

“Dimagrire, porca miseria!” è acquistabile online, per esempio su Amazon e Ibs

Medicina narrativa

Ovvero, quando la narrativa aiuta a guarire nel sentirsi raccontare, nel rivedersi, nella diacronia della malattia, verso la strada della guarigione, del corpo e dello spirito. Un bel pezzo su “Prealpina”.

Segreti, puntata uno

Di quando i vip svelano i segreti sulla loro forma fisica. E dietro sembri esserci tu. Puntata uno. Da Novella 2000!

Viversani

Certo che uscire su “Viversani e Belli” è una certa responsabilità!
Grazie a Luana Trumino Luisi per l’intervista e lo splendido servizio. Che dire, seguite questi consigli per essere… più sani, più belli!

Ghingheri

Mettiti in ghingheri e poi esci per un giorno qualsiasi.

E tu che parli parli

E tu che parli parli di diventar snelli passando per la ricerca della felicità.


Grazie di cuore a Cristina Tessaro, presentatrice garbata, accogliente e dalle mille risorse! Grazie all’uragano Anna Caroli per l’energia che mette nell’aiutare le persone a cambiare vita, perché sì: chi si mette a dieta inizia a cambiare vita e i racconti di chi ha ritrovato la forma fisica finiscono per diventare gli splendidi racconti di chi ritrova se stesso.

E questo è il senso del mio comfort book “Dimagrire, porca miseria!”. Grazie infine per l’ospitalità di un posto davvero speciale che consiglio a tutti i Gallaratesi per un momento di relax davanti a un ottimo dolce: GAYA social CAFE!

Perché ho scritto un libro sul parto?

È stato quando ho cominciato a pensare di poter usare la scrittura non solo per proporre storie, ma anche per aiutare le persone a condividere emozioni ed esperienze comuni, che è nata la mia idea di “comfort book”.

Se c’è stata un’esperienza che mi ha trasformato profondamente e lungo la quale ho trovato un mucchio di non detti, o di detti male, è stata quella del parto.

Non credo che il parto riguardi solo le donne incinte, o i loro compagni. O i loro parenti. Passa molto di un’intera società nel modo in cui guardiamo al sacrificio di una donna nel mettere al mondo un figlio.

Il parto ci ha riguardati tutti, in prima persona. Tutti siamo stati al caldo in una pancia, tutti siamo stati accolti da mani diverse da quelle di nostra madre durante il primo vagito.

Ed è giunto il momento dei ringraziamenti. Grazie alla dottoressa Elena Bacchiega, ostetrica bravissima, che ha portato la serenità non so quante volte nella mia vita dopo entrambi i miei parti. Grazie per la sua splendida introduzione, che regala autorevolezza e poesia. Il libro – “Partorire, porca miseria!” – varrebbe la pena di leggerlo solo per queste sue prime pagine.

Grazie a Hygeia Press, che per la seconda volta ha creduto nel mio lavoro e che mi ha concesso carta bianca nell’ideazione di questa nuova linea editoriale chiamata “Comfort book”. Non è da tutti avere una casa editrice così coraggiosa: quante altre copertine su un argomento come questo avete visto senza immagini tutte pancioni, sogni e borotalco? E invece no: partorire fa paura. Altro che. Altro che ‘tanto l’han fatto tutte’.

Trovate il libro in vendita su Amazon e su tutti gli store online.